Titolo


Titolo
0.Cierre Edizioni (9)
1.Societ� dell'Informazione (1)
1.Societá dell'Informazione (7)
2.Storia della Comunicazione Mobile (1)
3.Personal Medium (8)
4.Mobile Web2.0 (6)
5.Business Models (4)
6.Controllori o Controllati? (5)
7.Diritto d'autore (e dintorni) (3)
8.Cosix (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Per megglio chiarire...
17/03/2011 @ 16:43:14
Di michelina
perché l'authority n...
15/06/2007 @ 10:35:56
Di Francesco Martinengo



feedburner
Valid XHTML 1.0 Transitional
Utenti online: 3 

26/05/2018 @ 13:28:30
script eseguito in 166 ms


\\ Home : Archivio per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Mobspace (del 06/06/2008 @ 13:18:09, in 3.Personal Medium, linkato 1545 volte)

 

 

  I telefonini ormai fanno veramente di tutto; nel terzo capitolo di “Comunicazione Mobile” avevo addirittura paragonato il telefonino al coltellino svizzero, utile principalmente in situazioni di emergenza. Tra le ultime invenzioni, EMMA, il telefonino che fa l’ecografia, inventato dall’ideatore sudcoreano Hyoung Won, e addirittura il telefonino che fa il caffè, di cui non ricordo il nome, ma che ho avuto modo di vedere in un servizio dell’emittente Tv5 Monde. Sicuramente non ci fermeremo qui e presto si parlerà di porto d’armi necessario per acquistare i telefonini-pistola

In questo post vorrei soffermarmi non sulle nuove funzionalità che sono quotidianamente aggiunte al nostro inseparabile compagno, ma sul confronto con un oggetto che di tecnologico ha ben poco: la bottiglietta d’acqua. L’idea di fare un parallelo fra i due oggetti mi è venuta nel momento in cui stavo riempiendo a casa la mia bottiglietta da mezzo litro per portarla in treno. Ho pensato: 

“la bottiglietta d’acqua sta al rubinetto come il cellulare al telefono di casa”

Ovvero, la bottiglietta è un rubinetto “senza fili”, che permette di avere sempre accesso ad una risorsa preziosa, ovvero l’acqua. Pertanto, la prima similitudine fra i due riguarda la portabilità; purtroppo, la libertà dell’accesso (all’acqua o all’informazione/comunicazione) non è illimitata: infatti, entrambi gli oggetti hanno una limitata capacità, determinata rispettivamente dalla grandezza della bottiglietta e dalle proprietà della batteria. Quando è bevuta l’ultima goccia o quando appare il fatidico messaggio “batteria scarica” allora bisogna correre verso un punto dove ricaricare l’oggetto grazie ad un rubinetto o a una presa elettrica. In questo caso, la bottiglietta è più immediata in quanto non ha bisogno di un caricatore. Pertanto, questo ci fa concludere che entrambi gli oggetti sono ricaricabili. Inoltre sia la bottiglietta d’acqua che il telefonino, da soli, hanno poco valore, in quanto entrambi dipendono da una rete di fornitura della risorsa di cui hanno bisogno. La bottiglietta d’acqua dipende, attraverso il rubinetto, dalla rete idrica, mentre il telefonino dalla rete elettrica (per il caricamento della batteria) e dalla rete di telecomunicazioni (per il segnale). Se poi consideriamo anche le dipendenze con la rete Internet o WiFi per i vari accessi all’informazione, allora la situazione diventa ancora più complessa. Anche in questo caso, la bottiglietta vince il confronto in quanto presenta meno dipendenze per il funzionamento ottimale. E le somiglianze fra i due oggetti non finiscono qui! Infatti, sia la bottiglietta d’acqua che il telefonino sono oggetti personali e personalizzabili. In fatto di personalizzazione, il telefonino sicuramente presenta più possibilità, in quanto la bottiglietta può essere trasformata in “oggetto artistico” strappando l’etichetta, disegnandoci sopra con il pennarello o cambiando il tappo. Di sicuro comunque, molte più persone sono abituate a cambiare lo sfondo o la suoneria del proprio telefonino di quante invece si sbizzarriscono a personalizzare la propria bottiglietta. Per quanto riguarda invece la natura personale dell’oggetto, c’è da dire che entrambi hanno un possessore, ma possono essere condivisi con altri (offrendo un sorso d’acqua all’amico o dando la possibilità di fare una chiamata). Nella condivisione di risorse, il telefonino è più flessibile, in quanto non permette solo di condividere gli “atomi” (il telefonino), ma anche i “bit” (l’informazione). La natura digitale dell’informazione contenuta del telefonino fa sì che inviare un SMS, dare un numero di telefono ad un amico o trasferire una foto scattata grazie a Bluetooth siano tutti modi di condividere la comunicazione con altri.

Altre somiglianze possono essere trovate se si considera l’uso che si fa della bottiglietta d’acqua e del telefonino; entrambi si rivelano utili in emergenze, ma allo stesso tempo possono anche presentare dei pericoli per l’utente. Si pensi al caso delle bottigliette d’acqua contaminate da sostanze tossiche che diffuse nel Nord-Italia una vera e propria psicosi nel dicembre del 2003. Anche il telefonino si presenta come un’arma a doppio taglio, rivelandosi potenzialmente pericoloso per la propria salute (onde elettromagnetiche, distrazioni da telefonino, mobile addiction…) o per la propria privacy (intercettazioni), citando solo alcuni degli aspetti emersi dalle storie presentate dai media nel corso degli anni. Sia la bottiglia d’acqua che il telefonino, per essere usati al meglio, necessitano di conoscenza dello strumento da parte dell’utente, che in questo modo riesce a sfruttare le sue potenzialità e limitarne i rischi. Nel caso delle bottigliette d’acqua avvelenate, la maggior parte dei rischi poteva essere evitata semplicemente capovolgendo la bottiglietta prima dell’acquisto e vedendo se fuoriescono dal collo delle gocce. Di sicuro, dovendo giudicare tra bottiglia d’acqua e telefonino l’oggetto più sicuro, sceglieremmo il primo.

 

 bottiglia come communication mediumL’ultimo elemento di confronto riguarda la possibilità di replicare le caratteristiche dell’altro oggetto. Il telefonino riesce a offrire le funzioni di tanti altri oggetti d’uso quotidiano, come la televisione, la macchina fotografica, la cartina geografica…ma non è capace di tramutarsi in bottiglia d’acqua. Al contrario, la bottiglietta d’acqua si può trasformare in un “communication medium”; chi non ha mai sentito dire delle storie di naufraghi che hanno racchiuso le loro speranze di salvezza in un messaggio conservato all’interno di una bottiglietta? Mentre la comunicazione mobile viaggiava nell’etere, i messaggi in bottiglia erano affidati alle correnti dell’oceano, senza offrire né una garanzia di approdo né un eventuale soccorso. Il naufrago, infatti, contava sull’aiuto dello sconosciuto che eventualmente avrebbe letto il suo messaggio, mentre la comunicazione mobile avviene solitamente tra persone che si conoscono già.

Nonostante tutto, il messaggio in bottiglia dimostra la superiorità della bottiglietta d’acqua sul telefonino; per poter realmente “cambiare il mondo”, le nuove tecnologie non dovrebbero semplicemente offrire Internet o televisione sul telefonino. Troppo semplice! Esse sarebbero veramente innovazioni radicali se riuscissero a raggiungere la stessa potenza espressiva di un oggetto semplice come la bottiglietta, cioè offrendo la possibilità di accesso a risorse naturali indispensabili (come l’acqua). Qualche idea? Un telefonino-bacchetta rabdomante per reperire l’acqua nel sottosuolo o anche un telefonino con un filtro che renda potabile l’acqua salata…

Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1

< maggio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

 


Titolo
Che tipo di telefonino hai?

 Telefonino "classico" (solo per telefonare)
 Cameraphone (classico + fotocamera)
 Smartphone (nuova generazione)

Visualizza i risultati  o

Titolo
Autore (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo